Salvatore Settis – Laocoonte

Salvatore Settis – Laocoonte

 

Il gruppo marmoreo, scoperto a Roma nel gennaio 1506, fu acquistato dal papa Giulio II e collocato nel Cortile delle statue,  progettato da Bramante proprio per accogliere la collezione papale di scultura antica, in un allestimento che è considerato l’atto fondativo dei Musei Vaticani. Il Laooconte, attribuito a Agesandro, Polidoro e Atanadoro di Rodi – tre scultori greci che operavano a Roma nel I sec. d.C. secondo quanto attestato da Plinio il Vecchio – fu nella casa dell’imperatore Tito e a partire dal suo ritrovamento nel 1506, al quale furono presenti Michelangelo e Giuliano da Sangallo, esercitò una vasta influenza che continua ancora oggi, secondo quanto ripercorso in questa conferenza dal prof. Salvatore Settis.

Comments (2)
Ida
Maggio 14, 2020 3:41 pm

Interessante

Reply

AGT
Maggio 15, 2020 1:15 am

Grazie, se avete altri argomenti specifici che vorreste approfondire vi preghiamo di comunicarcelo.

Reply

Leave comments

Your email is safe with us.

INFO
close slider
Nome
Cognome
Email
Telefono
Oggetto
Messaggio
Ho letto la pagina Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali